Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > Progetto “VEDICI MEGLIO”

Progetto “VEDICI MEGLIO”

15.12.2017

L’Automobile Club Brindisi, in collaborazione con la Caritas Diocesana di Brindisi, ha organizzato il giorno giovedý 14 dicembre 2017 il Progetto "VEDICI MEGLIO".

Presso la sede Caritas di via Conserva a Brindisi il Presidente dell’AC Brindisi Mario Colelli ha consegnato ai cittadini extracomunitari intervenuti ed agli Enti e alle Associazioni che li assistono n. trecento gilet di sicurezza d alta visibilitÓ, che potranno essere indossati dagli interessati durante i propri spostamenti a piedi e/o in bicicletta.

Il Presidente Colelli ha sottolineato che ACI e AC Brindisi fra i loro compiti istituzionali hanno anche e soprattutto quello di sviluppare e diffondere la cultura della mobilitÓ sicura, in questo caso nei confronti di una categoria particolarmente "a rischio".

La loro scarsa visibilitÓ a piedi o in bicicletta sommata a diverse abitudini ed usi nella circolazione stradale, la distrazione degli automobilisti e il cattivo stato della viabilitÓ locale, provocano sovente incidenti con esito mortale.

Per la Caritas era presente il Presidente Don Piero Demita che ha moderato l’incontro. Diversi immigrati trovano nella sede Caritas di via Conserva 39 in Brindisi prima che un pasto caldo preparato dai volontari delle parrocchie della cittÓ accoglienza, ascolto, relazioni di fraternitÓ, accompagnamento nell’inserimento della vita sociale.

Per l’Associazione di volontari Migrantes di Brindisi, che si occupa di importanti progetti di integrazione quale l’alfabetizzazione degli stranieri, ha ritirato i gilet il Sig. Mimmo Mangiacasale; mentre il Comune di Brindisi che gestisce il dormitorio di Via Prov.le San Vito, Ŕ stato rappresentato dal Cap. Cosimo Leo del Comando di Polizia Municipale.

La consegna Ŕ stata preceduta da un breve discorso di sensibilizzazione a favore della mobilitÓ sicura rivolto dai rappresentanti istituzionali ai giovani extracomunitari, alcuni dei quali hanno fornito la loro esperienza di vita nella nostra cittÓ con particolare riferimento alle modalitÓ di spostamento.